Qual è lo sport giusto per voi? Fate scegliere alle vostre articolazioni.

Giovedì calcetto con gli amici. Scatta! Passa! Tira! E poi Craaack: un improvviso dolore al ginocchio ci mette in panchina.
Non fraintendete: lo sport fa bene, ma va fatto bene! Scarsa preparazione e sforzi eccessivi possono essere infatti causa di infortuni e danni articolari.

Vi è ultimamente capitato di:

Prevenire è meglio che…
Come si sa, è inutile piangere sul latte versato, o in questo caso sull’articolazione dolorante. Molto meglio mettere in campo un’efficace tattica preventiva, ad esempio tenendo sotto controllo il peso: i chili di troppo sovraccaricano le ginocchia, costringendole a un superlavoro.
Un’altra strategia validissima è assumere regolarmente integratori nutraceutici di qualità che supportino uno stile di vita attivo, garantendo il giusto apporto di sostanze utili per una buona funzionalità articolare.

Le sostanze amiche delle articolazioni
Soprattutto dopo i 40 anni, la cartilagine articolare – il naturale cuscinetto protettivo che preserva le giunture dall’usura – tende ad assottigliarsi e a perdere elasticità, a causa di una minore produzione di collagene da parte dell’organismo.

Una sana abitudine
Fare sport dovrebbe essere come lavarsi i denti, diceva qualcuno: una sana pratica da svolgere ogni giorno, altrimenti è inutile. O persino dannoso…
Ok magari non tutti i giorni, ma sono comunque allenamento e regolarità a rendere l’attività sportiva benefica per il nostro fisico in generale. E per le articolazioni, in particolare.
Se praticato in modo corretto – e non esasperato – lo sport è infatti un’arma efficacissima per combattere i problemi articolari: rinforzando e mantenendo tonica la muscolatura protegge e sostiene le articolazioni, aiutandole a muoversi meglio e con maggiore fluidità.
Viceversa, un’attività sporadica e improvvisata, rischia di causare squilibri e sovraccarichi a lungo andare dannosi per le giunture.
Non smettete dunque di praticare lo sport che vi piace, perché la colpa di infortuni e dolori non è di una determinata disciplina, quanto piuttosto del modo in cui la svolgete.

Gli sport ‘amici-nemici’
Se non esistono sport che in assoluto si possono definire sconsigliati per il benessere articolare, è pur vero che alcune attività risultano più stressanti di altre soprattutto per le ginocchia: in particolare calcio e calcetto, basket, tennis, squash e altri sport di racchetta, fatti di bruschi cambi di direzione e frenate improvvise, possono mettere a dura prova le articolazioni delle gambe.
Attenzione inoltre a non confondere l’allenamento con l’esasperazione: tanto per capirci, se una sessione leggera di running ogni giorno rientrerebbe nelle sane abitudini di cui sopra, correre una maratona tutte le settimane non sarebbe invece quello che si intende per attività equilibrata e regolare.

Gli sport ‘migliori amici’
Con alcuni sport a “basso impatto” invece andate sul sicuro: sono particolarmente indicati anche per la pratica occasionale o per chi sta recuperando da un infortunio, in quanto non caricano eccessivamente le articolazioni.
Vediamo i migliori:

L’importanza del riscaldamento
Pronti per il doppio senso? Eccolo: per aiutare ossa e articolazioni a restare in salute dovete riscaldarvi bene. Fate qualche minuto di stretching prima di iniziare l’attività per aiutare il fisico a prepararsi correttamente allo sforzo e prevenire i traumi.

Inoltre, esponetevi al calore del sole per stimolare l’organismo a produrre vitamina D: favorisce la fissazione del calcio nello scheletro.

Adesso, non vi resta che ascoltare le vostre articolazioni e iniziare a fare sport!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Per poter visualizzare il sito web,
ruota il tuo device