Acido alfa lipoico

La sostanza jolly per il bene del nostro organismo.

Ricordate la famosa scena di Pulp Fiction?
“Sono il signor Wolf, risolvo problemi”.

Ecco, con questa immagine vogliamo rendere l’idea di cosa sia l’acido alfa lipoico: un “risolutore” di problemi di vario tipo, versatile ed efficiente.

Iniziamo con il capire quali potrebbero essere questi possibili problemi…

Ci pensa l’acido alfa lipoico!

Essendo un efficace antiossidante multifunzionale, è una molecola preziosa, il cui campo di applicazione è estremamente ampio, che addirittura apre promettenti prospettive in nuovi settori di studio, dalle malattie neurologiche a quelle metaboliche.

Curiosi di conoscerlo? Ecco la sua carta d’identità.

Chi è

L’acido alfa lipoico è una molecola organica presente in natura nei tessuti animali e vegetali, e come ogni grande personaggio “cult”, è conosciuto con diversi nomi: acido α-lipoico, acido lipoico, acido tiottico o tioctico, vitamina N (nome più che altro pubblicitario) e per brevità con l’acronimo ALA…
Il segreto della sua efficacia è la particolare struttura chimica che gli permette di penetrare le membrane cellulari e arrivare dappertutto, persino nel luogo più protetto e chiuso del corpo umano: il sistema nervoso centrale.

Come funziona

Dove si trova e come assumerlo

L’acido alfa lipoico si trova in diversi alimenti: tuberi, broccoli, spinaci, carni rosse, cuore e fegato, ma in quantità molto limitate. Per assumerne una dose sufficiente, si può fare ricorso agli integratori nutraceutici. In commercio esistono molti prodotti di differente dosaggio, formulazione, e assorbimento, oltre che naturalmente di… diversa qualità! Diffidate da mal riusciti sosia e brutte copie!

Nuovi utilizzi

Le nuove ricerche sull’acido alfa lipoico stanno studiando a fondo le sue proprietà antiossidanti, specialmente in ambito neurologico e cardiovascolare, per capire se questa sostanza possa essere di beneficio in caso di gravi patologie quali ischemia cerebrale e miocardica, morbo di Alzheimer, sclerosi multipla, morbo di Parkinson.

Controindicazioni

Benché l’acido alfa lipoico venga utilizzato in molte terapie, bisogna sottolineare che non è un farmaco.
Anche se non si riscontrano effetti collaterali degni di nota nell’assunzione regolare di ALA, la somministrazione e il dosaggio devono essere sempre consigliati dal proprio medico, per evitare eventuali interazioni con alcuni farmaci. Per l’uso del prodotto si consiglia di sentire il parere del medico. In rari casi l’acido lipoico può dare ipoglicemia.

N.B. Il parere del medico è in ogni caso consigliato per l’assunzione di tutti gli integratori nutraceutici.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Per poter visualizzare il sito web,
ruota il tuo device